Sindrome dell’intestino permeabile: 7 segni e sintomi

La sindrome dell’intestino permeabile è una condizione in cui proteine indigerite come glutine, tossine e microbi possono passare dall’intestino al flusso sanguigno.

Prova ad immaginare un colabrodo, che a causa di un difetto di fabbrica, è composto da buchi più larghi, che lasciano passare più del dovuto.

Questo colabrodo funzionerà male e non farà il suo compito. In questo caso anche il tuo intestino funzionerà così. Si ritiene che un’aumentata permeabilità della mucosa intestinale causi il passaggio di componenti alimentari, attraverso la barriera intestinale, provocando l’infiltrazione e l’attivazione dei mastociti e i sintomi tipici del colon irritabile.

Cos’è la sindrome dell’intestino permeabile?

Essenzialmente, i sintomi dell’intestino permeabile (“iperpermeabilità intestinale”) sono una conseguenza del malfunzionamento delle giunzioni strette dell’intestino.

Queste giunzioni strette sono la porta tra l’intestino e il flusso sanguigno.

Le giunzioni strette svolgono un lavoro molto preciso: devono mantenere il delicato equilibrio tra l’ingresso di nutrienti vitali nel flusso sanguigno, pur rimanendo abbastanza piccoli da impedire agli xenobiotici (composti che causano malattie dalla dieta o dallo stile di vita) di passare dal sistema digestivo al resto del corpo.

Questo rappresenta un grosso problema, poiché la maggior parte del sistema immunitario si trova nell’intestino.

Il risultato? L’infiammazione acuta, una parte normale della risposta immunitaria che serve a combattere l’infezione e la malattia, si trasforma in infiammazione cronica, che è alla base di moltissime malattie.

Malattie correlate alla permeabilità intestinale

La sindrome della permeabilità intestinale come condizione cronica è legata a diverse patologie:

  • Ulcere gastriche
  • Diarrea infettiva
  • Sindrome dell’intestino irritabile (IBS)
  • Malattie infiammatorie intestinali (Crohn, colite ulcerosa)
  • Celiachia
  • Cancro esofageo e colon-rettale
  • allergie
  • Infezioni respiratorie
  • Condizioni di infiammazione acuta (sepsi, SIRS, insufficienza multiorgano)
  • Condizioni infiammatorie croniche (come l’artrite )
  • Malattie metaboliche legate all’obesità (fegato grasso, diabete di tipo II, malattie cardiache)
  • Malattie autoimmuni (lupus, sclerosi multipla, diabete di tipo I e altro) ( 1)
  • Morbo di Parkinson ( 2 )
  • Sindrome da stanchezza cronica ( 3 )
  • Obesità ( 4 )

Attenzione! Sappiamo che esiste una correlazione, ma la scienza non ha ancora identificato una relazione causale definita.

Ciò significa che la scienza non è ancora arrivata al punto di provare che la sindrome della permeabilità intestinale effettivamente causa queste condizioni, ma piuttosto che esse sono state collegate simultaneamente. ( 5 )

7 segni e sintomi della sindrome dell’intestino permeabile

1. Sensibilità alimentare

A causa dell’attacco di tossine che entrano nel flusso sanguigno, il sistema immunitario delle persone con iperpermeabilità intestinale si trova costantemente sotto pressione, producendo in massa vari anticorpi, che possono rendere il loro organismo più sensibile, e meno tollerante, agli antigeni di determinati alimenti (specialmente sensibilità al glutine e al latte ).

Negli studi condotti su ratti e bambini umani, l’intestino permeabile e le allergie alimentari sono state collegate. Questo è uno dei sintomi dell’intestino permeabile più comuni.

 

2. Malattie infiammatorie dell’intestino

Ricercatori ungheresi hanno scoperto nel 2012 che un’elevata permeabilità intestinale è spesso localizzata nel colon in persone che soffrono della sindrome dell’intestino irritabile e colite ulcerosa.

gastrite

Fin dal 1988, gli scienziati hanno suggerito che la  malattia di Crohn potrebbe essere correlata a un intestino permeabile. ( 6 ) Un piccolo studio (osservando 12 pazienti) ha scoperto che l’integrazione di zinco può aiutare a risolvere la disfunzione della giunzione stretta in questi casi, anche se è necessaria più ricerca su scala più ampia per confermare questi risultati. ( 7 )

 

3. Malattie autoimmuni

La chiave per comprendere come l’intestino permeabile possa causare una malattia autoimmune è attraverso la ricerca condotta su una proteina nota come “zonulina“.

Secondo un articolo del 2011 pubblicato sulla rivista Physiologic Reviews : ( 8 )

“La zonulina è l’unico modulatore fisiologico delle giunzioni intercellulari strette descritto finora che è coinvolto nel traffico di macromolecole e, quindi, nella tolleranza / equilibrio della risposta immunitaria. 

Quando la via della zonulina sintonizzata con precisione è deregolamentata in individui geneticamente predisposti, possono verificarsi disordini autoimmuni, infiammatori e neoplastici sia intestinali che extraintestinali. “

Il glutine, in persone sensibili o predisposte, può causare l’attivazione della zonulina, portando ad una maggiore permeabilità intestinale delle macromolecole.

 

4. Problemi alla tiroide

Una delle malattie autoimmuni che la sindrome dell’intestino permeabile può causare è   la malattia di Hashimoto . ( 9 ) Conosciuto anche come “tiroidite cronica“, questo disturbo viene visualizzato con ipotiroidismo (bassa funzionalità tiroidea), metabolismo compromesso, affaticamento, depressione , aumento di peso e una serie di altre preoccupazioni.

 

5. Malassorbimento di sostanze nutritive 

Un altro segno che può dipendere dalla sindrome dell’intestino permeabile è il malassorbimento intestinale di sostanze nutritive, tra cui vitamina B12, magnesio ed enzimi digestivi.

 

6. Condizioni infiammatorie della pelle

Descritta per la prima volta più di 70 anni fa, la teoria della connessione intestinale ha descritto come l’iperpermeabilità intestinale possa causare un gran numero di condizioni della pelle, in particolare l’acne e la psoriasi . ( 10 ) Nonostante spesso vengano  prescritte creme e farmaci con elenchi infiniti di effetti collaterali (a volte pericolosi) per questi disturbi della pelle, esistono prove che parte della causa principale potrebbe essere nell’intestino.

 

7. Disturbi dell’umore e autismo

Secondo uno studio pubblicato sulla rivista Neuroendocrinology Letters , è stato dimostrato che l’intestino permeabile causa vari disturbi neurocognitivi. stress e colon irritabile

Ad esempio, la risposta infiammatoria cronica dell’iperpermeabilità intestinale innesca il rilascio di citochine pro-infiammatorie e di altre sostanze chimiche che si pensa possano indurre depressione . ( 11 )

Un altro studio, invece, pubblicato sulla rivista Nutritional Neuroscience descrive il “circolo vizioso tra alterazione del sistema immunitario e aumento della disbiosi che porta a perdite nell’intestino e / o a produzione e assorbimento di xenobiotici neurotossici.”

Gli autori descrivono i risultati da una serie di studi che indicano la loro teoria che l’ autismo può essere collegato a problemi nel microbioma intestinale, in particolare entro il primo anno di vita. ( 12 )

 

Fonti

www.draxe.com

www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/

 

L’articolo “Sindrome dell’intestino permeabile: 7 segni e sintomi” ti è stato utile?

Bene! COMMENTA qui sotto e CONDIVIDILO SU FACEBOOK  con i tuoi amici!!

2 commenti

  1. nick

    3 mesi fa  

    Ok. La permeabilita’ intestinale e’ uno stato oggettivo, misurabile scintigraficamente. Ma ammesso che ad essa siano collegate molte malattie autoimmuni, rimane il quesito : qualcuno sa come curarla?


  2. Regolarity

    3 mesi fa  

    Ciao Nick, grazie della domanda. La risposta è ampia e complessa, e in un quadro di permeabilità intestinale si devono considerare tutti i fattori interconnessi per stabilire un piano terapeutico.
    Una certezza, però, è che l’alimentazione e lo stile di vita hanno un ruolo fondamentale nella riduzione/guarigione della permeabilità intestinale.
    Tieni a mente 4 consigli che possono esserti utile:

    1. RIMUOVI GLI ALIMENTI E I FATTORI CHE DANNEGGIANO L’INTESTINO come cereali contenenti glutine, latte e zucchero

    2. SOSTITUISCILI CON CIBI CURATIVI come brodo di ossa, kefir, burro chiarificato, verdure fermentate (crauti, kimchi, miso), prodotti a base di cocco, semi di lino, semi di chia, semi di canapa

    3. RIPARA CON INTEGRATORI SPECIFICI (enzimi digestivi, L-glutammina)

    4. RIEQUILIBRA CON PROBIOTICI

    Un saluto,
    I direttori di Regolarity


Commento

La tua email non sarà pubblicata.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Informativa sulla Cookie Privacy di questo Sito

Questo sito o gli strumenti terzi che utilizza si avvalgono, oltre che di cookie tecnici necessari al corretto funzionamento, di cookie di tracciamento utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Per i dettagli consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo la pagina, cliccando sulla pagina o proseguendo la navigazione in altra maniera, dichiari di acconsentire all’uso dei cookie nei termini espressi.

Questo campo è obbligatorio
Immettere un indirizzo e-mail valido
Spuntare questa casella per proseguire
Selezionare un valore dall'elenco
Hai già letto «I 9 CIBI CHE PEGGIORANO IL COLON IRRITABILE»?

Domani la mini-guida potrebbe non essere più gratis ...

I dati forniti non saranno mai ceduti a terzi e sono utilizzati per migliorare la qualità dei prodotti e l’esperienza che ti offriamo in Regolarity.it per renderli sempre più vicini alle tue specifiche esigenze nel pieno rispetto della normativa privacy GDPR UE2016/679

Questo campo è obbligatorio
Immettere un indirizzo e-mail valido
Spuntare questa casella per proseguire
Selezionare un valore dall'elenco
Soffri di disturbi intestinali?

Scopri i 9 CIBI NOCIVI che causano gonfiore addominale, diarrea, stitichezza, mal di testa ...

I dati forniti non saranno mai ceduti a terzi e sono utilizzati per migliorare la qualità dei prodotti e l’esperienza che ti offriamo in Regolarity.it per renderli sempre più vicini alle tue specifiche esigenze nel pieno rispetto della normativa privacy GDPR UE2016/679

Questo campo è obbligatorio
Immettere un indirizzo e-mail valido
Spuntare questa casella per proseguire
Selezionare un valore dall'elenco