Probiotici per Colon Irritabile: revisione sistematica aggiornata

probiotici per colon irritabileIn questo articolo analizzeremo quali sono i migliori probiotici per colon irritabile, secondo una revisione sistematica aggiornata nel 2019, ottenuta attraverso la banca dati scientifica PubMed.
La sindrome dell’intestino irritabile (IBS) è un disturbo gastrointestinale funzionale frequente, che colpisce circa l’11,2% della popolazione mondiale [ 1 ].

I sintomi includono:

  1. gonfiore
  2. flatulenza
  3. dolore addominale
  4. disagio associati a un cambiamento nelle abitudini intestinali (diarrea, costipazione o entrambi).

Le cause

L’eziologia di questa patologia non è ancora molto chiara ma è sicuramente multifattoriale, influenzata da fattori ambientali, ereditari e psicosociali.

La sindrome del colon irritabile manifesta i suoi sintomi attraverso diverse strategie che includono:

  • ipersensibilità viscerale
  • disfunzione nell’asse intestino-cervello
  • disturbi nell’integrità della barriera epiteliale che causano alterazioni della permeabilità intestinale
  • alterazione della motilità gastrointestinale
  • attivazione immunitaria
  • segnalazione enteroendocrina anormale
  • disbiosi nel microbiota intestinale23 ].
Il trattamento medico del colon irritabile si basa più comunemente sulla gestione del sintomo predominante riscontrato dal paziente.
Inoltre, una dieta povera di oligosaccaridi fermentabili, disaccaridi, monosaccaridi e polioli (FODMAPs) ha dimostrato di migliorare i sintomi della sindrome dell’intestino irritabile (IBS) ed è attualmente una strategia dietetica raccomandata [ 5 ].
fermenti latticiL’alterazione nel microbioma intestinale è considerata un probabile fattore scatenante per il colon irritabile, specie in quelle situazioni in cui l’IBS nasce dopo una grave infezione, comunemente descritto come IBS post-infettivo8 , 9 ].
L’eccessiva crescita batterica dell’intestino tenue provoca spesso sintomi simili a quelli dell’IBS, in particolare gonfiore in relazione all’assunzione di cibo [ 10 ].

Cosa sono i probiotici

I probiotici sono definiti come “microrganismi vivi che, se somministrati in quantità adeguate, conferiscono un beneficio per la salute dell’ospite” [ 17 ].
Il concetto di probiotici fu introdotto, per la prima volta, nel 1908 da Elie Metchinkoff, un nobile laureato russo che osservò che il consumo di cibi fermentati contenenti batteri lattici aveva un effetto benefico sulla salute umana.
Basandosi sulla sua teoria secondo cui l’acido lattico poteva prolungare la vita, consumava ogni giorno latte acido ed era il primo a chiamarlo yogurt18 ].
Da allora, gli effetti dei probiotici sono stati ampiamente studiati in un ampio spettro di malattie e sono attualmente suggeriti come possibile trattamento o prevenzione in diversi disturbi gastrointestinali [ 19 , 20 ].
Gli esatti meccanismi dei probiotici nel corpo umano sono attualmente conosciuti solo in parte.
È stato suggerito che i probiotici agiscano attraverso l’inibizione della crescita eccessiva di batteri patogeni e la prevenzione dell’invasione patogena dell’ospite, il miglioramento della funzione di barriera intestinale e delle interazioni dei recettori, nonché la produzione o la secrezione di sostanze come gli acidi grassi a catena corta (SCFA) e i neurotrasmettitori [ 21 ].

Quali sono i probiotici per colon irritabile?

Bifidobacterium e Lactobacillus sono i due generi batterici più diffusi tra i probiotici somministrati, in linea con la stragrande maggioranza dei probiotici sul marchio commerciale.

Studio 1.

Majeed et al. ha condotto uno studio comprendente 36 pazienti con sindrome dell’intestino irritabile prevalentemente con diarrea (IBS-D), con 90 giorni di integrazione probiotica [ 29 ].

Il supplemento probiotico consisteva in batteri Bacillus coagulans MTCC5856 in due compresse somministrate una volta al giorno. Dopo l’intervento, hanno riportato un miglioramento significativo nel gruppo di intervento rispetto al placebo in tutti gli esiti primari: gonfiore, vomito, diarrea, dolore addominale, frequenza e consistenza delle feci.
Un integratore contenente questo batterio è: Lactospore compresse

Studio 2. 

Lyra et al. ha condotto uno studio comprendente 391 partecipanti con IBS [ 26 ]. Hanno studiato un integratore probiotico a basso e alto dosaggio contenente 10 9 e 10 10 CFU di Lactobacillus acidophilus NCFM, rispettivamente.
Il probiotico è stato somministrato una volta al giorno per un periodo di 12 settimane e al termine della somministrazione i pazienti hanno riferito una diminuzione dei sintomi.
Un integratore che contiene questo batterio, in combinazione con Bifidobacterium lactis Bi-07, è Probactiol Plus

Studio 3.

Pineton et al. ha studiato l’effetto del lievito Saccharomyces cerevisiae CNCM I-3856 somministrato come integratore probiotico in una capsula presa una volta al giorno [ 28 ].
Lo studio è durato 8 settimane con un follow-up di 2 settimane e ha incluso 179 adulti con IBS.
L’outcome primario era il cambiamento nel dolore / disagio addominale. Sia il gruppo di intervento che il gruppo placebo hanno avuto un miglioramento significativo dal basale a dopo l’intervento, con una riduzione del punteggio del dolore addominale (scala a 7 punti) del 37,2% e del 26,9%, rispettivamente.
Un integratore contenente questo lievito è Ibsium.
Altri studi hanno valutato l’efficacia di integratori probiotici con più ceppi.scoperte intestino irritabile

Studio 4.

Ludidi et al. ha condotto uno studio su 40 pazienti ipersensibili alla distensione rettale [ 34 ].
Il supplemento probiotico conteneva sei diversi ceppi batterici ed è stato somministrato come polvere miscelata in acqua fredda, presa una volta al giorno per 6 settimane.
L’outcome primario era il cambiamento nella percezione viscerale. La percentuale di pazienti con ipersensibilità viscerale è diminuita sia nel gruppo probiotico che in quello placebo.

Studio 5.

Risultati simili sono stati riportati in uno studio di Hod et al. studiando l’effetto di una capsula probiotica somministrata due volte al giorno per 8 settimane in 107 donne con IBS-prevalente diarrea [ 31 ].
La capsula conteneva 12 diversi ceppi batterici. I risultati dello studio includevano dolore addominale, gonfiore, urgenza e frequenza dei movimenti intestinali. Tutti i sintomi sono migliorati significativamente in entrambi i gruppi, ma non sono state osservate differenze tra placebo e probiotici.

Studio 6.

Ishaque et al. ha condotto uno studio su 400 partecipanti con un periodo di intervento di 16 settimane [ 32].
Lo studio ha incluso pazienti con IBS-Diarrea con sintomi IBS da moderati a gravi.
 Il loro integratore probiotico consisteva in 14 diversi ceppi batterici e veniva somministrato in due capsule due volte al giorno.
Il trattamento probiotico ha migliorato significativamente il dolore addominale nel gruppo di intervento  rispetto al gruppo placebo.
Un integratore contenente questo probiotico è Bio Kult

Studio 7.

Uno studio di Jafari et al. che ha valutato l’effetto di un integratore probiotico contenente Bifidobacterium animalis , Lactobacillus acidophilus , L. delbrueckii bulgaricus e Streptococcus thermophilus [ 33 ].
Lo studio ha incluso 108 partecipanti e ha avuto un periodo di intervento di 4 settimane.
I risultati includevano cambiamenti nel dolore addominale e gonfiore.
Entrambi i risultati sono migliorati significativamente nel gruppo probiotico rispetto al placebo, con una riduzione importante del dolore addominale nel gruppo di intervento.

Studio 8.

Mezzasalma et al. ha condotto uno studio su 157 partecipanti con diagnosi di sindrome dell’intestino irritabile con costipazione prevalentemente (IBS-C), valutando l’effetto di un integratore contenente due diversi tipi di probiotici multi-specie in due diversi gruppi di intervento (F1 e F2), rispetto a un placebo gruppo [ 35 ].
Il probiotico F1 consisteva in Lactobacillus acidophilus e L. reuteri e il probiotico F2 consisteva in L. planetarium, L. rhamnosus e Bifidobacterium animalis lactis.
Gli esiti dei sintomi includevano gonfiore, dolore addominale, costipazione, crampi addominali e flatulenza.
Nel complesso è stato riportato un miglioramento significativo in entrambi i gruppi di intervento (F1 e F2) rispetto al placebo (F3).

Studio 9.

Risultati simili sono stati trovati in uno studio di Sisson et al. che ha valutato l’effetto di un probiotico liquido contenente Lactobacillus rhamnosus , L. planetarium , L. acidophilus e Enterococcus faecium [ 36]. Il probiotico è stato somministrato una volta al giorno per 12 settimane in 186 pazienti con IBS.
Infine, dagli studi analizzati emerge che alcune specie sono maggiormente rappresentate rispetto ad altre.
La più frequente è Lactobacillus acidophilus, a seguire lo Streptococcus thermophilus, Bifidobacterium breve e Bifidobacterium longum.
PS: I link allegati dei prodotti probiotici rappresentano un esempio degli integratori che ho trovato online, per ogni informazione potete chiedere al vostro farmacista di fiducia.
Prima di assumere qualsiasi integratore, informare sempre il vostro medico di fiducia.
Ti è piaciuto l’articolo “Probiotici per Colon irritabile: revisione sistematica aggiornata”? Condividi l’articolo con chi soffre di colon irritabile se lo ritieni utile!

Altre risorse utili per te

Sindrome dell’Intestino Irritabile

Newsletter gratuita

Vuoi ricevere le ultime novità su soluzioni naturali, basate su ricerche scientifiche internazionali, per il colon irritabile?

Clicca qui e inserisci la tua migliore email per ricevere gli ultimi aggiornamenti.

 

Gruppo Facebook

Iscriviti al gruppo facebook riservato alla Sindrome del Colon Irritabile, dove puoi condividere la tua esperienza e/o chiedere consigli.

Trovi il gruppo su Facebook col nome “Colon irritabile: soluzioni basate sulla scienza e condivisione esperienze” oppure clicca qui.

 

Bruciore di stomaco e reflusso acido: Mai Più Reflusso Acido™

Un semplice sistema in 5 fasi per curare reflusso acido, bruciore di stomaco e disturbi intestinali utilizzando strategie olistiche comprovate a cura del nutrizionista Jeff Martin.

Se soffri di bruciore allo stomaco e vuoi finalmente risolverlo clicca qui.

 

Emorroidi e stitichezza: Mai Più Emorroidi™

Un sistema unico, olistico e graduale che garantisce la prevenzione e l’eliminazione delle emorroidi e della stitichezza in modo naturale.

Questo e-book ti permette di:

— Curare la stitichezza a altri problemi digestivi
— Eliminare ogni sintomo legato alle emorroidi come: dolore, irritazione, gonfiore, perdite di sangue e prurito
— Perdere il peso in eccesso
— Avere un aspetto più giovane e sentirti più sano

Clicca qui per scoprire di più.

 

Candida intestinale: Mai Più Micosi™

Il sistema della nutrizionista Linda Allen per eliminare l’infezione da candida in 60 giorni e in modo naturale.
Per saperne di più clicca qui.

 

Integratori e alimenti utili per stomaco e intestino

Il NEGOZIO ONLINE di integratori, superfoods e cibi bio selezionati per migliorare:

  • digestione
  • regolarità intestinale
  • equilibrio del microbiota intestinale
  • permeabilità intestinale

Clicca qui per saperne di più.

 

Commento

La tua email non sarà pubblicata.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Hai già letto «I 9 CIBI CHE PEGGIORANO IL COLON IRRITABILE»?

Domani la mini-guida potrebbe non essere più gratis ...

I dati forniti non saranno mai ceduti a terzi e sono utilizzati per migliorare la qualità dei prodotti e l’esperienza che ti offriamo in Regolarity.it per renderli sempre più vicini alle tue specifiche esigenze nel pieno rispetto della normativa privacy GDPR UE2016/679

Questo campo è obbligatorio
Immettere un indirizzo e-mail valido
Spuntare questa casella per proseguire
Selezionare un valore dall'elenco
Soffri di disturbi intestinali?

Scopri i 9 CIBI NOCIVI che causano gonfiore, crampi e dolore addominale, diarrea, flatulenza ...

I dati forniti non saranno mai ceduti a terzi e sono utilizzati per migliorare la qualità dei prodotti e l’esperienza che ti offriamo in Regolarity.it per renderli sempre più vicini alle tue specifiche esigenze nel pieno rispetto della normativa privacy GDPR UE2016/679

Questo campo è obbligatorio
Immettere un indirizzo e-mail valido
Spuntare questa casella per proseguire
Selezionare un valore dall'elenco