Prebiotici e probiotici: i benefici scientificamente dimostrati per l’intestino umano

Questo articolo è una breve analisi dell’importanza dei prebiotici e probiotici per la salute dell’intestino umano.

I prebiotici

Con il termine prebiotici si intendono un gran numero di sostanze alimentari non digeribili, in particolare zuccheri e fibre alimentari solubili presenti in frutta e verdura.

Queste sostanze organiche se ingerite in quantità adeguata (5 g/dì) sono in grado di favorire in modo selettivo la crescita e l’attività di uno o più microorganismi tra quelli somministrati come probiotici (microorganismi vivi benefici) o tra quelli precedentemente presenti lungo il tratto digerente.

Questi elementi come gli oligosaccaridi fermentescibili, cioè che possono subire la fermentazione, favoriscono il benessere del microbiota intestinale.

fermenti lattici

Queste sostanze possono essere fermentati perché resistono alla degradazione enzimatica del tratto gastroenterico e rappresentano delle sostanze nutritive per i microrganismi che vivono in simbiosi con il nostro organismo.

Un prebiotico deve avere 3 requisiti specifici per essere considerato di buona qualità

  1. Resistere ai succhi gastrici e alla degradazione enzimatica intestinale
  2. Essere fermentabile dalla microflora intestinale
  3. Contenere almeno 3 grammi di sostanza prebiotica

I prebiotici, una volta ingeriti, vengono trasformati dalla flora batterica intestinale, i quali producono acidi grassi a catena corta come l’acido butirrico, l’acido propionico oppure l’acido acetico.

L’acido butirrico, l’acido propionico e l’acido acetico diminuiscono il pH nell’intestino crasso e riducono la crescita dei batteri “cattivi” ad azione patogena.

Un altro effetto benefico dei prebiotici è che stimolano la crescita dei bifidobatteri.

La trasformazione dei prebiotici da parte dei microrganismi della microflora intestinale produce SCFA (Short Chain Fatty Acids), ovvero acidi grassi a catena corta (butirrato, acetato, proprionato) che hanno svariate e importanti funzioni:

  • Abbassano il pH inibendo l’attività dei batteri ad azione patogena
  • Aumentano l’assorbimento di alcuni nutrienti
  • Migliorano la funzionalità intestinale
  • Stimolano la crescita di Bifidobatteri

Quest’ultimo punto è il motivo per cui i prebiotici vengono chiamati fattori bifidogenici perché favoriscono la crescita dei Bifidobatteri.

Un deficit di bifidobatteri nell’organismo è stato associato con:

  • Sindrome dell’intestino Irritabile (IBS o più comunemente denominato “colon irritabile”)
  • intolleranze alimentari
  • abuso di antibiotici e alcol
  • condizioni di scarsa salute
  • stress
  • invecchiamento

Possiamo quasi affermare che:

la quantità di bifidobatteri è un indice affidabile della nostra condizione di salute e benessere (non solo intestinale).

Cosa sono i Bifidobatteri?

I Bifidobatteri sono i probiotici (microorganismi vivi benefici) più importanti dell’intestino di un adulto sano e anche dei neonati che sono stati allattati al seno.

Diminuiscono con il peggioramento dello stato di salute.

Sono competitivi per i nutrienti con i batteri commensali saprofiti e lieviti, cioè “rubano il cibo ai batteri cattivi”.

probiotici fermenti lattici

Ecco brevemente 5 benefici dei bifidobatteri:

  1. producono acido acetico e acido lattico che abbassano il pH nell’intestino impedendo o rallentando la proliferazione batterica
  2. producono direttamente vitamine ed enzimi che non saremmo in grado di produrre senza di loro
  3. inibiscono l’utilizzo di vitamine del gruppo B da parte dei batteri nocivi che altrimenti li “ruberebbero” al nostro organismo
  4. inibiscono i batteri e i loro enzimi che possono alterare i nitrati e i nitriti potenzialmente nocivi e cancerogeni
  5. migliorano la sensibilità insulinica ridotta dal batterio Escherichia Coli. Questo consente un miglior passaggio del glucosio dal sangue alle cellule

Il prebiotico più importante: FOS

Fra i prebiotici più conosciuti abbiamo i frutto-oligosaccaridi (FOS) e i galatto-oligosaccaridi (GOS).

I più importanti sono i FOS, molecole naturali che si trovano nella frutta e negli ortaggi come banane, carciofi e pomodori.

frutto-oligosaccaridi FOS

I FOS sono brevi catene di molecole di fruttosio e glucosio (oligo-saccaridi a catena corta costituiti da D-fruttosio e D-glucosio).

I FOS stimolano la crescita dei Bifidobatteri, abbassano il pH del colon rendendolo inospitale e inattaccabile da potenziali batteri nocivi come, ad esempio, il Clostridium Difficile.

Tra i frutto-oligosaccaridi, la più conosciuta e studiata è l’inulina.

Questa fibra appartiene alla famiglia dei fruttani e a livello industriale viene estratta dalla radice della cicoria e dall’indivia belga.

radice di cicoria

L’inulina è capace di indurre uno spiccato aumento di Lattobacilli e Bifidobatteri, aumenta l’assorbimento di minerali per osmosi.

Contrariamente a quello che si sente, i fruttani inulino-simili sono in grado di aumentare l’assorbimento dei minerali attraverso un’azione osmotica, che richiama acqua nell’intestino e determina l’aumento di volume di fluido, nel quale i minerali possono dissolversi.
È molto importante dire che la carenza nella dieta di queste sostanze porta ad un impoverimento della flora batterica probiotica, con conseguente disbiosi.

Assumere, quindi, regolarmente fruttani a polimerizzazione beta, come l’inulina, attraverso l’alimentazione o l’integrazione è considerata un’ottima abitudine alimentare. Questo permette di mantenere efficiente il sistema batterico eubiotico e il sistema immunitario. Queste fibre, oltre a nutrire i “batteri buoni” intestinali, creano una massa fecale necessaria alla propulsione e alla normale regolarità intestinale.

Se soffri di colon irritabile i fruttani, come l’inulina, potrebbero essere problematici per te.

In questo altro articolo trovi la frutta e verdura, fonte di fibre solubili, generalmente più tollerate per la sindrome dell’intestino irritabile.

I probiotici

Questi batteri sono stati conosciuti per anni in Italia come fermenti lattici, tuttavia, questa denominazione non propriamente corretta.

fermenti lattici

Secondo la definizione ufficiale dell’OMS e della FAO, i probiotici sono “micro-organismi vivi che, ingeriti in adeguate quantità, esercitano funzioni benefiche per l’organismo”.

Bersaglio diretto dell’azione dei probiotici è l’intestino e, siccome, quest’organo ha un’azione fondamentale in tutta la fisiologia umana, l’azione si esplica indirettamente su tutto l’organismo.

In condizioni di stress psicofisici, in presenza di alimenti malsana, oppure in seguito all’assunzione di farmaci, si verifica uno sbilanciamento del microbiota intestinale, che porta alla cosiddetta disbiosi, rendendo l’organismo suscettibile all’attacco di patogeni.

stile di vita non corretto

Lo stress psicofisico, per esempio, causa una vasocostrizione indotta dall’adrenalina sia sul plesso mioenterico che su quello sottomucoso, provocando una ridotta capacità di rimescolamento del chimo (prodotto acido semidigerito presente nell’ultima fase della digestione gastrica) e ad una diminuzione dell’attività secretoria gastrointestinale.

Ne consegue così uno scorretto metabolismo proteico che facilita l’attività e la proliferazione dei batteri nocivi.

Questi batteri sono patogeni proteolitici che trovano dei pentapeptidi e dei tripeptidi disponibili per la loro alimentazione e questo nuovo ambiente favorevole, venutosi a formare, li porta a proliferare.

L’uso dei probiotici, associato ad un sostanziale miglioramento del proprio stile di vita, può risultare estremamente utile per regolare questa disbiosi.

stile di vita corretto

Attualmente i probiotici sono anche utilizzati a scopo preventivo, quindi per prevenire la disbiosi e ridurre il rischio di contrarre patologie.

Ormai sono diventati abbastanza numerosi i dati che dimostrano l’efficacia sull’uomo di alcuni ceppi probiotici a partire dall’azione antidiarroica e, per questo tipo di azione, sia in età pediatrica, sia adulta, si sono raggiunte evidenze tali da poter essere utilizzate per delle metanalisi.

Se soffri, per esempio, di disturbi gastrointestinali come la sindrome del colon irritabile non ti resta che chiedere informazioni al tuo medico, nutrizionista o specialista di fiducia quali prebiotici e probiotici o simbiotici (alimento o integratore che unisce prebiotici e probiotici)specifico sono indicato per la tua condizione di salute.

Prendendo inspirazione dal romanzo di Leonardo Sciascia, “A ciascuno il suo” probiotico 🙂 

Fonti

Altre risorse utili per te

Sindrome dell’Intestino Irritabile

*** Vuoi ricevere le ultime novità su soluzioni naturali, basate su ricerche scientifiche internazionali, per il colon irritabile?

Clicca qui e inserisci la tua email per restare continuamente aggiornato.

 

*** Iscriviti al gruppo facebook riservato alla Sindrome del Colon Irritabile, dove puoi condividere la tua esperienza e/o chiedere consigli.

Trovi il gruppo su Facebook col nome “Colon irritabile: soluzioni basate sulla scienza e condivisione esperienze” oppure clicca qui.

 

Bruciore di stomaco e reflusso acido: Mai Più Reflusso Acido™

Un semplice sistema in 5 fasi per curare reflusso acido, bruciore di stomaco e disturbi intestinali utilizzando strategie olistiche comprovate a cura del nutrizionista Jeff Martin

Se soffri di bruciore allo stomaco e vuoi finalmente risolverlo clicca qui.

 

Emorroidi e stitichezza: Mai Più Emorroidi™

Un sistema unico, olistico e graduale che garantisce la prevenzione e l’eliminazione delle emorroidi e della stitichezza in modo naturale.

Questo e-book ti permette di:

— Curare la stitichezza a altri problemi digestivi
— Eliminare ogni sintomo legato alle emorroidi come: dolore, irritazione, gonfiore, perdite di sangue e prurito
— Perdere il peso in eccesso
— Avere un aspetto più giovane e sentirti più sano

Clicca qui per scoprire di più.

 

Candida intestinale: Mai Più Micosi™

Il sistema della nutrizionista Linda Allen per eliminare l’infezione da candida in 60 giorni e in modo naturale.
Per saperne di più clicca qui.

 

Raggiungere il massimo livello di benessere psico-fisico

*** Programma Di Trasformazione In 8 Settimane

Il Programma di Trasformazione per ritrovare salute, energia e peso forma in 8 settimane con un’alimentazione olistica su misura per TE.

Risorsa a cura di Francesca Forcella Cillo, nutrizionista e naturopata con 30 anni d’esperienza.
Clicca qui per saperne di più.

 

Test Genetico – Nel tuo DNA è scritta l’alimentazione ideale per te

Questo test (clicca qui) ti permette di scoprire:

— Predisposizione genetica alla celiachia (non si tratta di sensibilità al glutine)
— Intolleranza al lattosio
— Tolleranza e metabolismo degli zuccheri, dei lipidi, di caffeina e alcol
— Attività infiammatoria
— Salute dell’osso (se hai bisogno di curare il metabolismo del calcio)
— Attività enzimatica (se hai bisogno di supplementare enzimi sulla base di quanti ne produci)
— Disintossicazione e protezione dallo stress ossidativo
— La presenza o meno della mutazione MTHFR
— Lo fai comodamente a casa tua.

Trovi ulteriori dettagli in questa pagina.

Commento

La tua email non sarà pubblicata.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Informativa sulla Cookie Privacy di questo Sito

Questo sito o gli strumenti terzi che utilizza si avvalgono, oltre che di cookie tecnici necessari al corretto funzionamento, di cookie di tracciamento utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Per i dettagli consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo la pagina, cliccando sulla pagina o proseguendo la navigazione in altra maniera, dichiari di acconsentire all’uso dei cookie nei termini espressi.

Questo campo è obbligatorio
Immettere un indirizzo e-mail valido
Spuntare questa casella per proseguire
Selezionare un valore dall'elenco
Hai già letto «I 9 CIBI CHE PEGGIORANO IL COLON IRRITABILE»?

Domani la mini-guida potrebbe non essere più gratis ...

I dati forniti non saranno mai ceduti a terzi e sono utilizzati per migliorare la qualità dei prodotti e l’esperienza che ti offriamo in Regolarity.it per renderli sempre più vicini alle tue specifiche esigenze nel pieno rispetto della normativa privacy GDPR UE2016/679

Questo campo è obbligatorio
Immettere un indirizzo e-mail valido
Spuntare questa casella per proseguire
Selezionare un valore dall'elenco
Soffri di disturbi intestinali?

Scopri i 9 CIBI NOCIVI che causano gonfiore, crampi e dolore addominale, diarrea, flatulenza ...

I dati forniti non saranno mai ceduti a terzi e sono utilizzati per migliorare la qualità dei prodotti e l’esperienza che ti offriamo in Regolarity.it per renderli sempre più vicini alle tue specifiche esigenze nel pieno rispetto della normativa privacy GDPR UE2016/679

Questo campo è obbligatorio
Immettere un indirizzo e-mail valido
Spuntare questa casella per proseguire
Selezionare un valore dall'elenco