Gastrite: 4 trattamenti naturali per il “mal di pancia”.

gastriteLa gastrite è un problema digestivo abbastanza comune causato dall’infiammazione dello stomaco e dall’erosione della mucosa gastrica. Alcune persone utilizzano i termini indigestione e gastrite in modo intercambiabile, in quanto entrambi causano sintomi simili. Tuttavia, mentre l’indigestione avviene occasionalmente, la gastrite causa sensazioni spiacevoli in modo persistente. (1)

I sintomi di questa scomoda condizione rappresentano più di 2 milioni di visite al medico ogni anno. Questo perché i sintomi della gastrite possono causare ogni tipo di disturbo nel tratto digestivo, e a volte possono diventare davvero insopportabili.

È comune per i pazienti affetti da gastrite subire frequenti episodi di dolori allo stomaco, gonfiore, bruciore. Se i sintomi sono di breve durata di parla di gastrite acuta, se la malattia persiste e i sintomi durano per anni si parla di gastrite cronica.

La causa di un’infiammazione dello stomaco è individuabile in un indebolimento della mucosa gastrica che appare dunque infiammata, il sistema digestivo produce così meno acido e meno enzimi digestivi , e lo stomaco non è più protetto dagli effetti degli acidi.

La gastrite può essere causata da una serie di fattori, tra cui: (2)

  • Un’infezione causata dal batterio noto come Helicobacter pylori (H. pylori). Il sistema digestivo contiene normalmente piccole quantità di H. pylori, ma in alcune persone questi batteri proliferano rapidamente e si insediano nel rivestimento dello stomaco, provocando erosioni e ulcere. La bassa funzionalità immunitaria e la presenza di elevate quantità di stress sono due motivi per cui può verificarsi un’infezione da H. pylori.
  • Una carenza di dieta e deficit nutrizionale (incluso il deficit di vitamina B12 o basso contenuto di magnesio, calcio, zinco e selenio)
  • Consumare alcool eccessivo o fumare sigarette
  • Alti livelli di stress cronico
  • Disturbi alimentari, in particolare quelli che coinvolgono il vomito o l’assunzione di lassativi (come la bulimia nervosa )
    Altre condizioni di salute che colpiscono il sistema digestivo, inclusi il reflusso della bile (che provoca la accumulazione della bile nello stomaco), le allergie alimentari, i disturbi autoimmuni come la malattia di Hashimoto oi virus come l’HIV / herpes
  • Reazioni ai farmaci da prescrizione
  •  Uso frequente di antidolorifici come l’ ibuprofene o altri farmaci, che possono causare cambiamenti nella produzione di acido
  • Anemia perniciosa, che colpisce il rivestimento dello stomaco e ostacola il normale assorbimento della vitamina B12. L’anemia è più comune nelle persone con gastrite cronica e può causare altri sintomi come stanchezza e intorpidimento negli arti.
  • L‘obesità o il sovrappeso

Le persone di mezza età o anziani, in sovrappeso o obesi,  che soffrono di stress cronico e frequentemente mangiano alimenti trasformati, hanno una percentuale di rischio molto alta di sviluppare un’infiammazione dello stomaco.

Studi suggeriscono che gli adulti di età superiore ai 60 anni tendono a sperimentare una graduale erosione del rivestimento gastrico, tassi più elevati di infezioni o disturbi autoimmuni e carenze nutritive possono peggiorarne i sintomi gastrici.

I sintomi della gastrite

I sintomi più comuni della gastrite includono: ( 3 )

  1. sensazioni di bruciore a livello dello  stomaco/addome, soprattutto quando si mangia
  2. sensazione di nausea o vomito
  3. gonfiore dello stomaco
  4. perdita di appetito, sensazione di pienezza e possibili cambiamenti di peso
  5. singhiozzi e eruttazioni
  6. cambiamenti nei movimenti intestinali e delle feci

La gastrite colpisce in modo diverso, con casi che vanno da lievi e acuti a cronici e gravi. Alcune persone non presentano alcun sintomo di gastrite, ma un esame fisico e un test (come un’endoscopia, un esame delle feci o un esame ematico) possono rivelare che si sta formando un’erosione a livello gastrico e di conseguenza c’è un mal funzionamento del sistema immunitario.

I gastroenterologi normalmente diagnosticano la gastrite dopo aver eseguito un’endoscopia (biopsia del rivestimento dello stomaco) e osservando i segni dell’infiammazione – tra cui un aumento delle cellule del sangue chiamati leucociti, arrossamento, gonfiore, sanguinamento o piccole aperture nella fodera della superficie.

Esistono diversi tipi di gastrite:

  • La gastrite cronica si sviluppa gradualmente e causa complicazioni a lungo termine. Alcune persone non accusano sintomi per molti anni. La gastrite cronica provoca atrofia della mucosa gastrica e un aumento graduale delle cellule infiammatorie, che possono anche aumentare le probabilità di sviluppare il cancro gastrico .
  • La gastrite acuta si presenta improvvisamente e dura per periodi più brevi – tuttavia potrebbe comunque causare gravi sintomi durante singoli episodi. I sintomi possono apparire e scomparire a seconda dello stile di vita che si adotta.
  • La gastrite atrofica è una forma di gastrite cronica che provoca una graduale perdita di cellule ghiandolari gastriche, sostituite da tessuti intestinali e fibrosi. Quando il rivestimento gastrico cambia, aumenta il rischio di malassorbimento dei nutrienti e reazioni di disturbi autoimmuni. I pazienti con gastrite atrofica cronica spesso sviluppano bassa produzione di acido gastrico e ipergastrinemia, che possono causare anemia e crescita tumorale. ( 4 )

ATTENZIONE: I sintomi della gastrite menzionati di solito appaiono per diverse settimane alla volta, ma se persistono per più tempo o causano sintomi più gravi come sangue eccessivo nelle feci, la gastrite potrebbe non essere la causa. Alcuni sintomi di indigestione possono essere causati da reazioni a prescrizioni, antidolorifici, allergie alimentari / intolleranze alimentari o altre condizioni sanitarie sottostanti, quindi se si verificano sintomi continui senza sollievo, è possibile che la gastrite non sia responsabile, quindi rivolgersi al medico.

 

Il trattamento naturale della gastrite

Se sospetti che i dolori allo stomaco siano causati dalla gastrite, parla con il medico in modo da poter fare una corretta diagnosi e stabilire un protocollo di cura. La buona notizia è che una volta che la gente sa che la gastrite acuta è responsabile dei loro sintomi, le probabilità che si sentiranno meglio dopo aver apportato alcune modifiche, sono alte.

La gastrite cronica tuttavia spesso richiede anche l’ausilio dei farmaci.

Il medico può scegliere di trattare i sintomi della gastrite alterando la tua dieta, cambiando i farmaci da prendere (o aggiustando i livelli di dosaggio), parlando con te per controllare meglio lo stress e eventualmente prescrivendo antibiotici o farmaci per controllare un’infezione causata da H. pylori .

Alcune persone scelgono anche di assumere farmaci antiacidi , per controllare i sintomi gravi, mentre altri preferiscono inibitori della pompa protonica o bloccanti H2 per aiutare a controllare i livelli di acido dello stomaco.

Nei casi in cui la gastrite cronica provoca anemia, è comune integrare la carenza di vitamina B12.

Ecco alcuni modi in cui puoi naturalmente contribuire a ridurre i sintomi della gastrite e impedire loro di tornare:

1. Rimuovere gli alimenti irritanti dalla dieta

alimentazione sbagliata

Il passo più importante nel trattamento della gastrite è quello di rimuovere tutto ciò che è irritante per lo stomaco. Molte persone con la gastrite peggiorano i sintomi quando mangiano alimenti confezionati/trasformati, cibi fritti o cibi caldi e piccanti. Una dieta povera è  un fattore di rischio per la gastrite perché promuove l’infiammazione all’interno del tratto digestivo, potrebbe aumentare il rischio per la sindrome della permeabilità intestinale o scatenare intolleranze alimentari e può contribuire a carenze nutrizionali che peggiorano i sintomi della gastrite.

Suggerimenti per aiutarti a gestire la gastrite con la dieta includono:

  • Consumare pochissimi alimenti confezionati e trasformati che presentano ingredienti sintetici e prodotti chimici.
  • Sostituire gli alimenti trasformati con più alimenti freschi (specialmente verdure biologiche e frutta).
  • Evitare le bevande zuccherate e consumare otto bicchieri o più di acqua al giorno.
  • Invece di mangiare solo uno o due grandi pasti al giorno, suddividere i pasti in quantità minori, ma farli più spesso (ad esempio ogni due o quattro ore). Non saltate la colazione e cercate di finire l’ultimo pasto più di tre ore prima di dormire.
  • Sperimentare per vedere se mangiare cibi piccanti rende i sintomi gastriti peggiori (come peperoni, condimenti o salsa calda).
  • Tieni traccia dei sintomi per capire meglio quale sia la traccia “innesca gastrite” -monitora l’alcool, la caffeina, i pomodori, il tè, gli agrumi, il latte, la menta e il pepe nero / rosso. L’eliminazione dell’alcool può aiutare a ridurre i sintomi poiché l’alcol può irritare la mucosa gastrica. ( 5 )

2. Consumare più nutrienti

alimentazione sana

La gastrite può causare sintomi quali anemia, gonfiore, vomito, carenze nutritive e disidratazione, per cui è importante prevenire le complicanze mangiando una dieta nutriente e poco elaborata. La ricerca mostra anche che essere in sovrappeso o obesi può aumentare il rischio di gastrite e ulcere dello stomaco. Una dieta “anti gastrite” contiene principalmente verdure, frutta, proteine ​​di alta qualità e grassi sani e può aiutare a gestire l’infiammazione, consentire di mantenere un peso sano e prevenire le carenze nelle vitamine, nei minerali e negli antiossidanti critici.

La ricerca mostra che gli alimenti che possono aiutare a gestire i sintomi della gastrite includono alimenti ad alto contenuto di antiossidanti (in particolare quelli con flavonoidi, come bacche), cipolle, aglio, peperoni, noci, legumi/fagioli, cereali, verdure fresche. Integratori come gli acidi grassi omega-3, i probiotici e la vitamina C possono anche essere utili per le persone affette da gastrite.

3. Eliminare o ridurre l’uso di farmaci

farmaci

Secondo l’Università del Maryland Medical Center, fino al 20% delle persone che utilizzano cronicamente farmaci antiinfiammatori non steroidei (FANS) sviluppano problemi gastrici a causa dei cambiamenti nell’acido allo stomaco. ( 6 ) L’uso comune di farmaci, compresi l’aspirina, l’ibuprofene e il naproxen, possono spesso contribuire allo sviluppo del gastrite perché questi modificano il modo in cui il tuo corpo produce un tipo di enzima che normalmente aiuta a proteggere il rivestimento dello stomaco. Provare a ridurre l’assunzione di farmaci e curati più spesso con i rimedi naturali.

Ad esempio, se si dispone di dolori muscolari o articolari cronici, si consiglia di utilizzare oli essenziali antiinfiammatori , come l’olio di menta piperita. Per le emicranie bisogna lavorare sulla riduzione dello stress (ad esempio, utilizzando la meditazione guidata o l’esercizio fisico) e provare a prendere gli integratori di magnesio . Se hai bisogno di prendere un antidolorifico, utilizza un tipo etichettato come acetaminofene, che non ha dimostrato di alterare il rivestimento dello stomaco o di aumentare i sintomi della gastrite. ( 7 )

4. Ridurre l’infiammazione attraverso l’esercizio e il controllo dello stress

yoga

Sia uno stile di vita sedentario che elevate quantità di stress possono aumentare l’infiammazione, che danneggia gli organi digestivi. I medici raccomandano che le persone soggette a gastriti e altre condizioni patologiche digestive (come IBS o IBD) facciano esercizio fisico regolarmente per almeno 30 minuti al giorno cinque giorni alla settimana. L’esercizio è un ottimo modo per aumentare le funzioni immunitarie, aiutarti a sostenere un peso corporeo sano, equilibrare gli ormoni e controllare lo stress.

Lo stress può anche aumentare la produzione di acido dello stomaco, che rende i sintomi più dolorosi. Le persone con ansia e grandi quantità di stress hanno un funzionamento del sistema immunitario meno efficace. Ci sono prove che le pratiche naturali di alleviamento dello stress, tra cui la respirazione profonda, lo yoga, tai chi, l’agopuntura e la meditazione, possono essere utili per controllare problemi digestivi, compresa la gastrite.

 

Altre risorse utili per te

Sindrome dell’Intestino Irritabile

*** Vuoi ricevere le ultime novità su soluzioni naturali, basate su ricerche scientifiche internazionali, per il colon irritabile?

Clicca qui e inserisci la tua email per restare continuamente aggiornato.

 

*** Iscriviti al nuovo gruppo facebook riservato alla Sindrome del Colon Irritabile, dove puoi condividere la tua esperienza e/o chiedere consigli.

Trovi il gruppo su Facebook col nome “Colon irritabile: soluzioni basate sulla scienza e condivisione esperienze” oppure clicca qui.

 

Bruciore di stomaco e reflusso acido: Mai Più Reflusso Acido™

Un semplice sistema in 5 fasi per curare reflusso acido, bruciore di stomaco e disturbi intestinali utilizzando strategie olistiche comprovate a cura del nutrizionista Jeff Martin

Se soffri di bruciore allo stomaco e vuoi finalmente risolverlo clicca qui.

 

Emorroidi e stitichezza: Mai Più Emorroidi™

Un sistema unico, olistico e graduale che garantisce la prevenzione e l’eliminazione delle emorroidi e della stitichezza in modo naturale.

Questo e-book ti permette di:

— Curare la stitichezza a altri problemi digestivi
— Eliminare ogni sintomo legato alle emorroidi come: dolore, irritazione, gonfiore, perdite di sangue e prurito
— Perdere il peso in eccesso
— Avere un aspetto più giovane e sentirti più sano

Clicca qui per scoprire di più.

 

Candida intestinale: Mai Più Micosi™

Il sistema della nutrizionista Linda Allen per eliminare l’infezione da candida in 60 giorni e in modo naturale.
Per saperne di più clicca qui.

 

Raggiungere il massimo livello di benessere psico-fisico

*** Programma Di Trasformazione In 8 Settimane

Il Programma di Trasformazione per ritrovare salute, energia e peso forma in 8 settimane con un’alimentazione olistica su misura per TE.

Risorsa a cura di Francesca Forcella Cillo, nutrizionista e naturopata con 30 anni d’esperienza.
Clicca qui per saperne di più.

 

Test Genetico – Nel tuo DNA è scritta l’alimentazione ideale per te

Questo test (clicca qui) ti permette di scoprire:

— Predisposizione genetica alla celiachia (non si tratta di sensibilità al glutine)
— Intolleranza al lattosio
— Tolleranza e metabolismo degli zuccheri, dei lipidi, di caffeina e alcol
— Attività infiammatoria
— Salute dell’osso (se hai bisogno di curare il metabolismo del calcio)
— Attività enzimatica (se hai bisogno di supplementare enzimi sulla base di quanti ne produci)
— Disintossicazione e protezione dallo stress ossidativo
— La presenza o meno della mutazione MTHFR
— Lo fai comodamente a casa tua.

Trovi ulteriori dettagli in questa pagina.

Commento

La tua email non sarà pubblicata.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Informativa sulla Cookie Privacy di questo Sito

Questo sito o gli strumenti terzi che utilizza si avvalgono, oltre che di cookie tecnici necessari al corretto funzionamento, di cookie di tracciamento utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Per i dettagli consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo la pagina, cliccando sulla pagina o proseguendo la navigazione in altra maniera, dichiari di acconsentire all’uso dei cookie nei termini espressi.

Questo campo è obbligatorio
Immettere un indirizzo e-mail valido
Spuntare questa casella per proseguire
Selezionare un valore dall'elenco
Hai già letto «I 9 CIBI CHE PEGGIORANO IL COLON IRRITABILE»?

Domani la mini-guida potrebbe non essere più gratis ...

I dati forniti non saranno mai ceduti a terzi e sono utilizzati per migliorare la qualità dei prodotti e l’esperienza che ti offriamo in Regolarity.it per renderli sempre più vicini alle tue specifiche esigenze nel pieno rispetto della normativa privacy GDPR UE2016/679

Questo campo è obbligatorio
Immettere un indirizzo e-mail valido
Spuntare questa casella per proseguire
Selezionare un valore dall'elenco
Soffri di disturbi intestinali?

Scopri i 9 CIBI NOCIVI che causano gonfiore, crampi e dolore addominale, diarrea, flatulenza ...

I dati forniti non saranno mai ceduti a terzi e sono utilizzati per migliorare la qualità dei prodotti e l’esperienza che ti offriamo in Regolarity.it per renderli sempre più vicini alle tue specifiche esigenze nel pieno rispetto della normativa privacy GDPR UE2016/679

Questo campo è obbligatorio
Immettere un indirizzo e-mail valido
Spuntare questa casella per proseguire
Selezionare un valore dall'elenco